E c’è stato quel giorno in cui non sono riuscita a loggarmi in Facebook perchè diceva che il mio nome non era corretto.

Ok ok… il mio nome potrà anche essere strano per un italiano, ma Facebook è in tutto il mondo
e allora?
Bah, sarà un bug, penso.

Vado, inserisco il mio nome e… ecco cosa mi risponde

facebook-real-name-55agency

Tieni presente che se il nome non viene approvato, potresti non riuscire ad accedere nuovamente al tuo account.

Questa risposta mi lascia attonita, sembra quasi una minaccia…

E vabbè, non sono una che posta continuamente della propria vita, però quotidianamente accedo a Facebook.
Ci entro dall’iPhone sicuramente, per vedere cosa si dice, le novità, per noia.
Faccio poca vita sociale e d’un tratto mi accorgo che senza facebook sono tagliata fuori da una serie di cose: la pagina dell’amministrazione comunale che pubblica il bando per l’asilo nido proprio oggi, la creazione di un nuovo gruppo di quartiere di cerco/offro lavoro, hai visto quella cosa? Quale? Su facebook…

E che è? Tutto oggi?

Preso atto che non posso stare senza facebook, mi faccio in giro in rete per vedere se a qualcun altro è successo.

E scopro un mondo, il mondo dei cacciati da facebook.
In pratica, da quello che leggo, il colosso bianco e blu attua una politica diciamo anti-fake in nome della facebook real name policy. Ci tiene che tutti i suoi profili attivi siano persone reali.
Così blocca tutti gli account il cui nome non gli sembra un nome vero.
E via per sempre  anche nomi d’arte, pseudonimi e soprannomi.
Da qui si apre tutta una problematica sui nomi degli indiani d’america e per le drag queen e se vi interessa approfondire potete leggere qui (in inglese) da www.theverge.com

Ma tornando al mio caso…. perchè mai mi hai scacciato???

Mi chiamo così.
Mi sono sempre chiamata così.
Non ti garba?
Hai un algoritmo che valuta in base al paese in cui ti trovi se il nome è strano?
E uno straniero non ci può stare?

Se provo a seguire i link dal blog o da altre risorse… nulla… non è possibile più accedere alla pagina, beh… almeno non resta la mia identità in rete senza che io possa interagire con essa, ma non esiste neanche più.

Vorrei riprovare a loggarmi ma “potresti non riuscire ad accedere nuovamente al tuo account” è un monito… e se poi non riesco a loggarmi mai più?

Dovrei creare l’account da capo? Ma perdo l’anzianità (e altre pippe seo che scattano in automatico).

Rifletto.

  • Quando ho potuto ho registrato la vanity url del mio profilo con nome e cognome.
  • Ho sempre usato il mio nome vero.
  • Quando mi sono sposata ho aggiornato le informazioni e al mio nome e cognome, ho aggiunto il cognome di mio marito (e lui è stato tanto contento quando lo ha visto). (ciao amore).

Vuoi vedere che?

Riprovo a loggarmi, questa volta da nubile e… riprendo possesso della mia pagina e di un po’ della mia identità. 🙂


E’ successo anche a te?
Come hai fatto a rientrare?

 

Foto: mie e da bryanwhitefield.net